LE CREAZIONI DI SUSANNA

Benvenuti !!!!!!!!!

Questo e' un blog molto semplice, non sono molto brava con le nuove tecnologie pero' e' fatto con il cuore. Penso faccia piacere vedere cose carine e gatti rilassati!!!

Buona visione!!!

venerdì 8 febbraio 2013

Tempo di carnevale ecco le maschere bergamasche!!

Il Brighella! Si dice abitasse nel «borgo degli ortolani» ovvero in Borgo Canale, dove un tempo si coltivavano frutta e verdura, ribattezzato anche borgo degli artisti .
"Ta se on brighela" si diceva ai bambini un tempo quando erano biricchini!
E'il degno compare di Arlecchino (suo antagonista in realtà, in origine) .
A differenza di Arlecchino però, Brighella è un “primo Zanni”, un servo astuto, furbo e intrigante. Non fa solo il servitore, ma un’infinità di altri mestieri, più o meno onesti e leciti.


Buongiorno a tutte care amiche creative! Tempo di carnevale!
Vi voglio annoiare con alcune tradizioni della mia zona e con le sue maschere! ( Alcune foto le ho prese dal web).

Il Truffaldino! Maschera ormai dimenticata...anche lui servo furbo e imbroglione.

L'Arlecchino! Nato a
Oneta, un pugno di case antiche sopra l’abitato di San Giovanni Bianco (Bergamo), dove si trova la cosiddetta Casa di Arlecchino, un edificio signorile di epoca quattrocentesca che, secondo la tradizione, fu la dimora di Alberto Ganassa, il primo interprete della maschera. Arlecchino si trasferisce a Venezia dove prende l'idioma veneziano. Mitiche le avventure dello sprovveduto Gioppino quando si reca a Venezia e conosce questo bel tipo!
 


La Margi' moglie del Giupi'!
 




















Il suo nome dialettale è Giopì de Sanga e a Bergamo e provincia è talmente popolare che il suo nome in dialetto viene usato per indicare tutti i burattini in generale. La tradizione vuole che sia nato da Bortolo Söcalonga (Zuccalunga, Testalunga) e Maria Scatoléra a Zanica (Sanga, in dialetto), dove vive con la moglie Margì, il figlioletto Bartolì, i due fratelli Giacomì e Pissa ‘n braga (letteralmente, “pipì nei pantaloni”) e i nonni Bernardo e Bernarda.


Della dinastia degli Zanni e' la maschera piu' famosa con i suoi tre gozzi!( Una malattia della tiroide ,per fortuna debellata, che un tempo era molto frequente nelle Valli per la mancanza dello iodio). Il Gioppino parla solo in bergamasco e tutte le estati mi fa compagnia e divertire (sono ancora una bambina...) grazie a uno degli ultimi burattinai di Bergamo!
 
 In questa foto, scattata da me, Gioppino si trova tra i "grandi" si riconoscono Garibaldi, Il re Vittorio Emanuele II, credo Nino Bixio e altri soldati del Risorgimento Italiano. (Mostra a Bergamo per i 150 anni dall'unita' d'Italia nel 2011).

Un'altra maschera quasi dimenticata e' Scapino appartenente alla vasta schiera dei servi è però nota per le sue virtù musicali e canore, infatti appare sempre con la chitarra in mano. Questa caratteristica dovrebbe derivare dal suo primo interprete Francesco Gabrielli (1588 - 1636), valente attore, ma anche eccellente cantore, compositore e inventore di strumenti.
Il successo di questa maschera è anche dovuto a Moliére, che gli dedicò il suo testo "Le furberie di Scapino" (1671).
Un altro «cugino» degli Zanni è quel Pedrolino," Pedruli'"  diventato Pierrot all'ombra della Tour Eiffel e Petruska in Russia. Fu il mimo Jean-Gaspard Debureau nel 1826 a portare un malinconico personaggio al Théâtre des Funanbules con un costume che, dopo di lui, fu quello classico di Pierrot.
 
 Il Gioppino si presenta in dialetto bergamasco!
Traduzione!
Io sono il Gioppino,sono un bergamasco di razza
figlio de la Maria Scatolera
e Bortolo Zuccalunga della bassa.
Per il mio ghigno furbo ma sincero
io sono una maschera di piazza.Porto i gozzi come una bandiera
e col bastone induco a testa bassa
quelli che non l'abbassano volentieri.
Non ho mai cambiato padrone...come certi
e non ho mai saltato di palo in frasca
Ma ero e sono di razza bergamasca!
Non sto mai con le mani ferme ne conserte
perche' dove c'e' qualcosa di storto lo raddrizzo io!
 
Buon carnevale a tutti!

16 commenti:

  1. Le maschere, che belle...una tradizione che mi auguro possa non avere mai scosse e contaminazione dalle novità mediatiche.
    Ti mando una mail! Bacio e buon w.e.! NI

    RispondiElimina
  2. ma che simpatica carrellata!!! Mi ero persa i divani, ma sono eccezionali!!! un bacione :) e buon fine settimana!!

    RispondiElimina
  3. Привет!
    Удивительный рассказ! Некоторую информацию я услышала впервые!
    Большое спасибо!
    Хороших выходных!
    Объятья
    Татьяна

    RispondiElimina
  4. Alcune non le conoscevo, come il Truffaldino, ha un vestito molto bello. Neanche di Gioppino e sua moglie Margì, sapevo niente, ma devo dire mi inquietano un poco. Di Pedrolino ignoravo l'esistenza e che fosse l'antenato di Pierrot, ma ti ringrazio, è davvero bello scambiarsi usi e costumi, tutti uniti, ma ognuno con le sue differenze, che sono quelle che ci arricchiscono. Ciao, Anna.

    RispondiElimina
  5. Anch'io mi associo con l'ultimo commento, non conoscevo le figure di Gioppino e Margì come d'altronde di Pedrolino futuro Pierrot. Divertente comunque conoscere altre maschere e cmq la mia preferita fin da piccola è rimasta Arlecchino! Ciao, baci Manu.

    RispondiElimina
  6. che bello questo post nemmeno io conoscevo Gioppino e Margì. Grazie per averci fatto tornare un po' bambine. la mia maschera preferita è Fagiolino tipico dell'Emilia Romagna

    RispondiElimina
  7. Ma sai che quasi non ricordavo più queste maschere?
    Grazie per questo post, buon carnevale anche a te!!

    RispondiElimina
  8. Bonita entrada, el carnaval de Italia es apasionante con sus bonitas máscaras, lástima no poder ir. Gracias por tu comentario en mi blog. Besitos y feliz fin de semana.

    RispondiElimina
  9. Me ha encantado tu entrada, me gustan muchisimo los carnavales.
    Gracias por toda tu informacion.
    besitos ascension

    RispondiElimina
  10. Adoro le maschere legate alla tradizione teatrale. Hai dato nozioni molto interessanti. Io devo attendere ancora una settimana per il carnevale ma a te auguro tanto divertimento!!
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  11. Siempre tienes algo interesante que contar y esta de los carnavales me ha encantado. Solo he visto los carnavales de Venecia en la TV. pero me fascinan, son tan elaborados y originales.
    Feliz fin de semana y besos.

    RispondiElimina
  12. Che. Bel post Susi, non sapevo che Arlecchino fosse nato a Oneta,,,, io non amo particolarmente il Carnevale, ma le tue le sue origini popolari sono interessanti.
    Buon carnevale...
    Patri

    RispondiElimina
  13. Ciao Susi sono ancora io... a me piacciono le bambole, tu lo sai, ma forse non ti ho detto che adoro anche le miniature in genere, le tue sono bellissime, e seguendo il tuo consiglio ho visitato il blog di Isabel e sono rimasta senza parole, e' bravissima..
    Ciao

    RispondiElimina
  14. una bellissima carrellata delle maschere tradizionali,
    vederle e leggere le tue accurate descrizioni, m'ha fatto ritornar bambina, quando sui libri di scuola ammiravo e immaginavo le imprese di questi simpaticissimi personaggi.
    un bacione,
    Titty.

    RispondiElimina
  15. CIAO SUSANNA CHE BELLA CARRELLATA DI MASCHERE, TANTE SONO DI BG COME ME, INTERESSANTE LA STORIA DI CIASCUNO, MI HAI RINFRESCATO LA MEMORIA GRAZIE, BUON CARNEVALE ANCHE A TE, BACIONI ROSA BUON WEEK END

    RispondiElimina
  16. un post bellissimo sulle maschere!!!buona domenica

    RispondiElimina