LE CREAZIONI DI SUSANNA

Benvenuti !!!!!!!!!

Questo e' un blog molto semplice, non sono molto brava con le nuove tecnologie pero' e' fatto con il cuore. Penso faccia piacere vedere cose carine e gatti rilassati!!!

Buona visione!!!

lunedì 25 febbraio 2013

I quadri e l'Opera!

Buonasera  a tutte care amiche creative!
Cartone e pizzo dipinto oro ,questi quadri rappresentano personaggi di casa Savoia e castelli sempre del Piemonte. Li ho ritagliati dal catalogo di una mostra dedicata ai Duchi e
Re sabaudi dal 1553 al a1796 e visitata qualche anno fa alla Reggia di Venaria Reale in provincia di Torino.( Conservo tutto e tutto prima o poi mi torna utile!)

 Cartone dorato per i Grandi ( Verdi, Puccini, e il bergamasco Donizetti) destinati alla sala della musica. Il giovanotto (allora agli esordi) e' il basso Andrea Patucelli mio adorato nipote, figlio di mia sorella, del quale sono particolarmente fiera!Nei teatri in Italia l'ho seguito molte volte, all'estero solo una volta a Copenaghen. Anche lui finira' nella casetta...
 
Andrea nel ruolo di Raimondo." Lucia di Lammermoor "di Gaetano Donizetti. Copenaghen teatro dell'Opera nuovo (2010)

 Dedica sul libretto.
 
 Il libretto del programma...
 
 In miniatura...
 
 
 

 Favolosa Copenaghen!!!!!!!!!!!!
 

 Il Palazzo Reale...


 

 ll suggestivo Teatro dell'Opera sull'acqua.
 
 Il "vecchio"Teatro dell'Opera..
 

 In albergo con Andrea.
 
 Il rientro...
 
 
 

Ma torniamo ai quadri! Direttamente dal Louvre la Gioconda!
 
 Immagini vintage da appendere nella sartoria...
 Per la stanza dei bambini...

 Per il salotto...sotto i quadretti il cartone che ho usato per le cornici.

 Spero di avervi regalato un'idea!
 
 
Grazie  a tutte care amiche creative per l'attenzione e per i vostri sempre gentili commenti!
A presto buona settimana creativa!
 
 
 

venerdì 22 febbraio 2013

Buon fine settimana con la neve!

 
 
 
 
Questo "nostalgico" post per augurare buon fine settimana a tutte anche con la neve!
 
   Foppolo (Bergamo) 1973 con le  amiche di allora e di sempre. Io sono la seconda da sinistra. Da notare gli occhiali enormi come sono di moda ora! I pantaloni laghissimi e le scarpe con le zeppe per apparire piu' alte! Sono passati quaranta anni ma le mode tornano sempre...
 
 A presto con le foto dei i miei "lavoretti"!
 

lunedì 18 febbraio 2013

L'ambulante!

 Buonasera a tutte care amiche creative e buona settimana!
 
Questa sera voglio farvi vedere il mio ultimo divertimento!
Un giocattolino di plastica comperato al mercato  per pochi euro e' diventato il motocarro dell'ambulante che un tempo girava nei nostri paesi e vendeva di tutto ! ( L'ambulante e' troppo grande pazienza...pero'  gli ho creato un gran bel  cappello !)

 Dipinto (per modo di dire...) e decoupato!

 I miei pasticci di frutta e verdura! L'uva e' dell'amica  Mely(http://melymelpiccolisogni.blogspot.it/) e si vede!

Per la bilancia ho utilizzato un blister di medicine in compresse!Sacchetti di carta ricavati da quello del pane!

 Il pane!

 L'olio e' una fiala di intramuscolare!

 Salami  provolone e naturalmente vino c'e' pure la farina nel sacco e le uova per fare buone torte ops ho dimenticato il latte e il burro provvedero'!
 
Grazie a tutte per i vostri sempre gentili e graditi commenti e a presto !Un  benvenuto a una nuova amica miniaturista (http://rdoortjesminis.blogspot.it/)

venerdì 15 febbraio 2013

17 febbraio Festa Nazionale del Gatto!

Buongiorno a tutte care amiche creative!

La Festa Nazionale del Gatto ricorre il 17 febbraio ed è nata nel 1990. Ho tratto da Wikipedia queste informazioni che non conoscevo! Perche' la festa e' a febbraio?
  1. febbraio è il mese del segno zodiacale dell’Acquario, ossia degli spiriti liberi ed anticonformisti come quelli dei gatti che non amano sentirsi oppressi da troppe regole.
  2. tra i detti popolari febbraio veniva definito “il mese dei gatti e delle streghe” collegando in tal modo gatti e magia.
  3. il numero 17, nella nostra tradizione è sempre stato ritenuto un numero portatore di sventura, stessa fama che, in tempi passati, è stata riservata al gatto.
  4. la sinistra fama del 17 è determinata dall'anagramma del numero romano che da XVII si trasforma in “VIXI” ovvero “sono vissuto”, di conseguenza “sono morto”. Non così per il gatto che, per leggenda, può affermare di essere vissuto vantando la possibilità di altre vite.
  5. il 17 diventa quindi “1 vita per 7 volte”!
In varie città d'Italia si festeggia questa giornata con iniziative artistiche o di solidarietà a favore di questi splendidi animali.
Alcune mie foto di splendidi micioni  micetti e "lavoretti" a tema !

 Amiconi del Roero Alba (Piemonte)

 Micione di Aix en Provence

 La dolcissima Milu' di mia sorella

 

 La micia della mia amica Patrizia che purtroppo non c'e' piu'...

 La Lucy che pisola sul compiuter!
 
 Il mio Tommy da piccolo anche lui purtroppo che non c'e' piu'...
 
 La Lucy in versione estiva...si nota il mio assente  pollice verde...
 
 Micetti della Tuscia (Viterbo)


 
 
Maternita'....
 
 
 La Lucy ed io...
 
 La bella alla finestra...la mia adorata Lucy!
 
 
Per l'occasione  ho creato Micio e Micia di stoffa, alti cm 28, destinati alla mensola della cameretta del mio nipotino Mirco...
 
 Il cartamodello  e' della rivista "La bottega di Elisa"allegato di "cucito Creativo"novembre 2012. Questa rivista e' molto pratica in quanto ha i cartamodelli in scala1:1.
 
 
 
 Una bamboletta con la vestina "gattosa"! E' alta cm.35 e ama molto i micetti!
 
 Ed infine non ho resistito a creare un gattino ancora in stoffa ma in miniatura!!!!
 
A presto care amiche creative buon fine settimana e grazie!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Un caloroso benvenuto a due nuove  amiche creative!(http://threelittlecatsshop.blogspot.it/)  Habanero(http://habanerohandmade.blogspot.it/) e Conni (http://corneliasallerlei.blogspot.it/)!

lunedì 11 febbraio 2013

Il tappo!

 Buongiorno a tutte care amiche creative voglio augurarvi buona settimana con un piccolissimo lavoretto che mi ha divertita!
 
 Dal tappo di una bottiglia di vino...sandaletti e borsina!
 
Sandaletti per il mare...anche se e' un po' presto perche' nevica!
 Spero di avervi regalato un'idea! A presto e grazie per i vostri sempre gentilissimi commenti!

venerdì 8 febbraio 2013

Tempo di carnevale ecco le maschere bergamasche!!

Il Brighella! Si dice abitasse nel «borgo degli ortolani» ovvero in Borgo Canale, dove un tempo si coltivavano frutta e verdura, ribattezzato anche borgo degli artisti .
"Ta se on brighela" si diceva ai bambini un tempo quando erano biricchini!
E'il degno compare di Arlecchino (suo antagonista in realtà, in origine) .
A differenza di Arlecchino però, Brighella è un “primo Zanni”, un servo astuto, furbo e intrigante. Non fa solo il servitore, ma un’infinità di altri mestieri, più o meno onesti e leciti.


Buongiorno a tutte care amiche creative! Tempo di carnevale!
Vi voglio annoiare con alcune tradizioni della mia zona e con le sue maschere! ( Alcune foto le ho prese dal web).

Il Truffaldino! Maschera ormai dimenticata...anche lui servo furbo e imbroglione.

L'Arlecchino! Nato a
Oneta, un pugno di case antiche sopra l’abitato di San Giovanni Bianco (Bergamo), dove si trova la cosiddetta Casa di Arlecchino, un edificio signorile di epoca quattrocentesca che, secondo la tradizione, fu la dimora di Alberto Ganassa, il primo interprete della maschera. Arlecchino si trasferisce a Venezia dove prende l'idioma veneziano. Mitiche le avventure dello sprovveduto Gioppino quando si reca a Venezia e conosce questo bel tipo!
 


La Margi' moglie del Giupi'!
 




















Il suo nome dialettale è Giopì de Sanga e a Bergamo e provincia è talmente popolare che il suo nome in dialetto viene usato per indicare tutti i burattini in generale. La tradizione vuole che sia nato da Bortolo Söcalonga (Zuccalunga, Testalunga) e Maria Scatoléra a Zanica (Sanga, in dialetto), dove vive con la moglie Margì, il figlioletto Bartolì, i due fratelli Giacomì e Pissa ‘n braga (letteralmente, “pipì nei pantaloni”) e i nonni Bernardo e Bernarda.


Della dinastia degli Zanni e' la maschera piu' famosa con i suoi tre gozzi!( Una malattia della tiroide ,per fortuna debellata, che un tempo era molto frequente nelle Valli per la mancanza dello iodio). Il Gioppino parla solo in bergamasco e tutte le estati mi fa compagnia e divertire (sono ancora una bambina...) grazie a uno degli ultimi burattinai di Bergamo!
 
 In questa foto, scattata da me, Gioppino si trova tra i "grandi" si riconoscono Garibaldi, Il re Vittorio Emanuele II, credo Nino Bixio e altri soldati del Risorgimento Italiano. (Mostra a Bergamo per i 150 anni dall'unita' d'Italia nel 2011).

Un'altra maschera quasi dimenticata e' Scapino appartenente alla vasta schiera dei servi è però nota per le sue virtù musicali e canore, infatti appare sempre con la chitarra in mano. Questa caratteristica dovrebbe derivare dal suo primo interprete Francesco Gabrielli (1588 - 1636), valente attore, ma anche eccellente cantore, compositore e inventore di strumenti.
Il successo di questa maschera è anche dovuto a Moliére, che gli dedicò il suo testo "Le furberie di Scapino" (1671).
Un altro «cugino» degli Zanni è quel Pedrolino," Pedruli'"  diventato Pierrot all'ombra della Tour Eiffel e Petruska in Russia. Fu il mimo Jean-Gaspard Debureau nel 1826 a portare un malinconico personaggio al Théâtre des Funanbules con un costume che, dopo di lui, fu quello classico di Pierrot.
 
 Il Gioppino si presenta in dialetto bergamasco!
Traduzione!
Io sono il Gioppino,sono un bergamasco di razza
figlio de la Maria Scatolera
e Bortolo Zuccalunga della bassa.
Per il mio ghigno furbo ma sincero
io sono una maschera di piazza.Porto i gozzi come una bandiera
e col bastone induco a testa bassa
quelli che non l'abbassano volentieri.
Non ho mai cambiato padrone...come certi
e non ho mai saltato di palo in frasca
Ma ero e sono di razza bergamasca!
Non sto mai con le mani ferme ne conserte
perche' dove c'e' qualcosa di storto lo raddrizzo io!
 
Buon carnevale a tutti!